Accedi a Facebook Activity di questo sito

ID

PASSWORD

CHIUDI

Androweb.it, sito di andrologia del dr. Alessandro G. Littara









Home / Informazioni generali / Sessuologia

La sessualità nel Medio Evo: la concezione musulmana
I concetti socio-sessuali ebraici si erano sviluppati nelle sofferenze e nella schiavitù, il concetto cristiano in mezzo le persecuzioni; quello islamico vide la luce in mezzo le guerre tribali. Maometto a 18 anni sposa Khadidja, ricca vedova quarantenne; diventa filosofo e nel corso di questo felice matrimonio durato ventisei anni, ha sei figli. Alla morte della moglie sposa Aicha, di sei anni, e non essendo profeta in patria emigra a Medina, dove si mette a capo di una piccola armata di proseliti e celebra ogni vittoria con un nuovo matrimonio. Ha 14 mogli, molte delle quali gli sopravviveranno, ma la preferita resta sempre Aicha, che non gli dà nemmeno un figlio. Maometto mitiga le leggi sull'adulterio e sul ripudio, ma mantiene alla donna una posizione di grande inferiorità nella famiglia. La sterilità non può essere causa di ripudio. Sostenendo che l'uomo si sposa per quattro ragioni: destino, bellezza, posizione economica e religione, consacra la poligamia, che permette di riunire i beni, di assicurare nella legalità la molteplicità dei piaceri e di colmare più facilmente i vuoti che si registrano tra gli uomini (mortalità maschile infantile elevata a causa della malattia, e degli adulti a causa delle guerre).

Il matrimonio non si contrae solo tra musulmani: un musulmano può sposare un'ebrea o una cristiana, ma non una pagana. Le donne sono rinchiuse nell'harem, che discende dall'antico gineceo. Harem significa ciò che è sacro, intoccabile, le donne vi sono rinchiuse come in clausura con gli eunuchi come confidenti e guardiani. Questa frustrazione spinge le donne ad avventure omosessuali, a rapporti con schiavi che non sono stati evirati, a far lavorare la fantasia in modo che il racconto erotico sostituisca l'atto: ecco le origini delle "Mille e una notte". In queste famiglie composite e dove il legame affettivo e così suddiviso, è chiaro che i figli sono educati un po' da tutti, e la mancanza di un'immagine materna ben definita comporta, più tardi, la mancanza di una differenziazione sessuale e manifestazioni di angoscia e di suggestionabilità.

L'unione del mondo arabo, all'inizio, è perciò di natura politico-religiosa, sotto forma difensivo-aggressiva: ecco perché in un primo momento le invasioni alle conquiste hanno carattere puramente militare ed espansionistico (è in questo periodo che vengono bruciati i libri ad Alessandria). Si passa poi a una fase di insediamento e colonizzazione: si traducono i manoscritti greci che più tardi verranno diffusi in Europa attraverso la Spagna occupata e poi liberata. Fa seguito un periodo abbastanza lungo di relativa pace segnato, attorno all'anno 800, dall'amicizia tra Carlo Magno e i turchi. Le ostilità ripresero quando i turchi, che nel frattempo avevano conquistato la Palestina, impedirono l'accesso al Santo Sepolcro. Per questa ragione, e probabilmente anche per consolidare la dottrina cristiana all'epoca piuttosto vacillante, fu indetta la prima Crociata, nel 1096.

pagina aggiornata a venerdì 28 febbraio 2014
.: falloplastica
.: eiaculazione precoce
.: circoncisione
.: impotenza
.: infertilità
Ospiti di androweb
Segui le news di Andrologia
Linea diretta con il prof. Alessandro Littara
AndroTweet by www.androweb.it
note legali | condizioni di utilizzo del sito | area riservata | mappa del sito | rassegna stampa
© 2003-2017 androweb.it, tutti i diritti riservati | P.IVA: 01658220460 | sito aggiornato al 09/06/2016 | torna su | facebook activity 
disclaimer: le informazioni fornite da questo sito intendono supportare, e non sostituire, la relazione
tra il paziente/visitatore del sito e il suo medico di riferimento