Accedi a Facebook Activity di questo sito

ID

PASSWORD

CHIUDI

Androweb.it, sito di andrologia del dr. Alessandro G. Littara









Home / Informazioni generali / La sessualità in gravidanza

La sessualità in gravidanza
Per una coppia, la gravidanza non deve necessariamente diventare un deserto sessuale che dura nove mesi…


L’amante della futura mamma
Anche se la gravidanza è stata desiderata intensamente da entrambi i partner, spesso è in grado di sconvolgere la libido della futura mamma e dell’apprendista-padre. Come vive l’uomo questi nove mesi fatidici e tutte le trasformazioni che si producono? Ed è vero che avere rapporti sessuali durante la gravidanza è pericoloso per il bambino?

Dipende. Durante una gravidanza normale, senza preoccupazioni di natura medica, non solo non esiste alcuna controindicazione, ma al contrario si tende a incoraggiare la coppia a proseguire i rapporti anche fino agli ultimi giorni prima del parto. La sessualità fa parte dell’armonia di coppia, la penetrazione non provoca alcun dolore specifico e non danneggia in alcun modo il bambino. Tuttavia in alcuni casi - quelli più impegnativi sotto il profilo della salute e della gravidanza a rischio - il ginecologo può talvolta prescrivere alla donna un riposo completo, e sconsigliarle di avere rapporti. In questo caso, non resta che “accontentarsi” delle coccole e della tenerezza senza penetrazione (l’orgasmo femminile può provocare contrazioni uterine, soprattutto verso la fine della gravidanza), e senza dimenticare che la varietà di carezze a disposizione è praticamente infinita.

Le modificazioni corporee indotte dalla gravidanza
durante il primo trimestre la stanchezza, la nausea o il timore di un aborto spontaneo possono diminuire il desiderio sessuale. Questo timore è spesso infondato: a questo stadio, gli aborti spontanei sono il risultato delle anomalie cromosomiche dell’embrione. Durante i rapporti sessuali, l’aumento di volume dei seni legato alla gravidanza si aggiunge alla vasocongestione provocata dall’eccitazione sessuale, e può provocare tensioni mammarie sgradevoli o addirittura dolorose. Questo fenomeno scompare durante il secondo o il terzo trimestre di gravidanza perché a questi stadi i seni reagiscono alla stimolazione sessuale in modo diverso.

il secondo trimestre è in genere il periodo più piacevole della gravidanza. La donna sente il bambino muoversi, il ventre non è ancora troppo ingombrante. Alcune donne provano in questo periodo un aumento del desideiro e del piacere, legati a un aumento della vascolarizzazione della parte bassa del bacino. La vasocongestione riduce l’orifizio vaginale, provocando in alcune donne sensazioni più voluttuose. L’orgasmo provoca contrazioni dell’utero comuni e prive di conseguenze nel quadro di una gravidanza non problematica. Queste contrazioni sono ovviamente diverse da quelle del travaglio o del parto.

il terzo trimestre è spesso meno confortevole a causa della dimensione del ventre. Ma i rapporti sessuali restano possibili. Una sessualità felice durante la gravidanza renderà il post-parto più facile, proprio perché non si avrà discontinuità nella relazione sessuale.

Alcuni uomini provano invece una preoccupazione eccessiva, trovano la compagna improvvisamente troppo “fragile” per avere rapporti, hanno paura e non sanno bene come comportarsi.

Angosce e fantasmi infondati sono spesso inevitabili con la prima gravidanza, dove anche l’inesperienza dei partner ha buon gioco. Alcuni arrivano a immaginare che il bambino possa essere una specie di testimone dei rapporti sessuali dei suoi genitori. In realtà, il feto è ben protetto all’interno del sacco amniotico, e uno strato di mucosa posto all’interno del collo dell’utero lo separa dalla cavità vaginale.

Per altri, la gravidanza segna il declino del desiderio e più passano i mesi, peggio è. Alcuni provano grandi difficoltà a immaginare nel nuovo ruolo di madre proprio la donna che fino a qualche mese prima era l’amante ideale. Altri sono sconcertati da questo nuovo corpo sconosciuto, e da tutto quanto avviene al suo interno. Oppure può succedere che il corpo femminile e le sue trasformazioni, talvolta davvero spettacolari, lascino indifferenti, o addirittura respingano o provochino disgusto. Come reagire? Senza colpevolizzarsi, senza forzarsi, ma impegnandosi a non allontanarsi dalla compagna. Coccolatela, siate teneri e disponibili, e forse l’appetito sessuale ritornerà. Se non succede, vi ritroverete dopo il parto, aiutando la donna a ritrovare il più presto possibile la forma fisica che vi faceva impazzire. Consolatevi, le statistiche sembrano indicare che ben il 50% delle coppie smette di avere rapporti man mano che la gravidanza procede.

Fino a quando il ventre non è troppo prominente, proseguite i rapporti come avete sempre fatto, evitando nuove acrobazie. Con il passare dei mesi, e man mano che la gravidanza diventa sempre più ingombrante, si scopre che alcune posizioni diventano quasi impossibili. Ritornate a posizioni più tranquille, che coinvolgano i seni, il ventre e la schiena: la donna seduta su di voi, entrambi su un lato, voi dietro alla donna, la donna in quadrupedia… Le reazioni femminili alla gravidanza sono strettamente soggettive: alcune donne provano maggiore desiderio durante la gravidanza, altre diventano più riservate.

Rispettare le controindicazioni
In alcuni casi particolari, il medico può indicare che i rapporti non sono più possibili. Tuttavia, se il coito deve essere evitato, carezze e scambi sessuali restano sempre possibili. I rapporti sessuali con penetrazione sono controindicati in questi casi:

  • grave minaccia di aborto prematuro : in presenza di contrazioni uterine importanti che modificano il collo dell’utero, con minaccia di aborto

  • placenta previa: la placenta previa ricopre il collo dell’utero, con rischio di provocare un’emorragia

  • in presenza di rottura delle acque, perché il rischio di trasmissioni infettive diventa importante. Preparatevi, il parto è imminente!

Prudenza è richiesta anche se si è affetti da herpes genitale. L’astensione è in questo caso la scelta più indicata, perché neppure il preservativo può proteggere la partner al 100%. Evitare qualsiasi rapporto che possa determinare una contaminazione da clamidia o da altre malattie sessualmente trasmissibili. In caso di dubbio, sottoporsi rapidamente alle analisi appropriate. Quando invece la gravidanza ha superato il termine, spesso verrà consigliato di avere rapporti sessuali per tentare di scatenare il parto; lo sperma contiene infatti le prostaglandine, che possono favorire l’apertura del collo dell’utero e provocarne le contrazioni. Non abbiate timore di discutere questi e altri aspetti della gravidanza con il medico, e mantenete vivo il dialogo di coppia.

Trascorsi i primi tre mesi, che di solito sono i più difficili (nausee, vomito, voglia di dormire, seni doloranti), il secondo trimestre è spesso un periodo molto piacevole della gravidanza. La donna incinta si sente desiderabile e sexy, i suoi seni sono aumentati di volume ma non sono ancora pesanti, e la stanchezza è del tutto superabile. Inoltre, lo sconvolgimento ormonale legato alla gravidanza può provocare in alcune donne dei veri e propri “attacchi” di desiderio.

pagina aggiornata a venerdì 28 febbraio 2014
.: falloplastica
.: eiaculazione precoce
.: circoncisione
.: impotenza
.: infertilità
Ospiti di androweb
Segui le news di Andrologia
Linea diretta con il prof. Alessandro Littara
note legali | condizioni di utilizzo del sito | area riservata | mappa del sito | rassegna stampa
© 2003-2017 androweb.it, tutti i diritti riservati | P.IVA: 01658220460 | sito aggiornato al 08/12/2017 | torna su | facebook activity 
disclaimer: le informazioni fornite da questo sito intendono supportare, e non sostituire, la relazione
tra il paziente/visitatore del sito e il suo medico di riferimento