Androweb.it, sito di andrologia del dr. Alessandro G. Littara









Home / Rassegna stampa / Rivista "Gel"

Come essere sempre virili
Cari amici, prima di affrontare una questione così impegnativa, dobbiamo metterci d’accordo su chi e cosa è virile. Spesso si identifica la virilità con la potenza sessuale, con l’aspetto fisico particolarmente possente, o ancora con un carattere deciso e risoluto, ma forse a molti è sfuggito un concetto basilare: essere virili significa soprattutto essere se stessi, in armonia con il proprio corpo e con la propria psiche. Infatti, tra i doveri che abbiamo verso noi stessi vi è senz’altro quello di mantenerci in perfetta salute fisica e mentale, pronti ad affrontare tutte le prove, sessuali e non, che la vita ci pone. Cos’è allora che può influenzare la nostra salute fisica e sessuale, in altre parole la nostra virilità? Dal punto di vista organico l’elemento più importante è un ormone, il testosterone. Questa sostanza infatti condiziona l’intera vita sessuale, organica e psicologica, dall’adolescenza sino alla senescenza.

Sappiamo per esempio che la sua produzione aumenta sino ai 30-35 anni, per poi stabilizzarsi e successivamente decrescere con ritmo diverso da individuo a individuo. Molti sono i fattori che la influenzano: l’età, la presenza di alcune malattie, lo stile di vita, le condizioni del fegato, e altre ancora. Tra i segnali anche precoci di una diminuzione della produzione di testosterone troviamo: l’aumento del grasso addominale, la diminuzione della massa muscolare, stanchezza, aumento di peso, alterazioni dell’umore e delle funzioni cognitive, calo della libido, disfunzione erettile, malattie della prostata, e così via. La nostra “macchina”, inizialmente perfetta, può subire una specie di usura che ne riduce la potenza e l’efficacia, abbassando quella soglia oltre la quale cominciano a manifestarsi quei sintomi di carattere generale e sessuale che minano la nostra sicurezza rendendoci più incerti e dubbiosi sulle nostre capacità, meno potenti sessualmente, meno stimolati e stimolanti, insomma, in una sola parola meno “virili”.  

Cosa fare allora per mantenere o recuperare la virilità perduta?

  • adattare lo stile di vita: ormai tutti sanno che dieta sana, regolare attività fisica e astensione da fumo e alcool sono la migliore medicina per ridurre l’usura della nostra “macchina”

  • integrare l’alimentazione con sostanze ricche di principi attivi antiossidanti e integratori alimentari. Attenzione: non casualmente, ma sotto indicazione di uno specialista

  • rivolgersi al proprio andrologo/sessuologo medico di fiducia, che attraverso visita e semplici esami sarà in grado di ottenere una fotografia esatta della vostra salute sessuale, e di intervenire dove si evidenzierà una carenza o un eccesso

Ma soprattutto, guardare al futuro con fiducia e positività, sapendo vivere la propria sessualità in maniera matura e consapevole. Tutto evolve, tutto cambia, e bisogna guardare ai cambiamenti del nostro corpo e della nostra psiche con la consapevolezza che in ogni età potremo avere grandi soddisfazioni, se solo saremo in grado di ascoltare i segnali che la natura ci invia.

del dr. Alessandro G. Littara
pubblicato sul mensile GEL Toscana (n.6/settembre 2003)

pagina aggiornata a venerdì 28 febbraio 2014
.: falloplastica
.: eiaculazione precoce
.: circoncisione
.: impotenza
.: infertilità
Ospiti di androweb
Segui le news di Andrologia
Linea diretta con il prof. Alessandro Littara
.: Il giornale (apri/chiudi)
.: Paspartu (apri/chiudi)
.: Metropoli (apri/chiudi)
.: Atuttocampo (apri/chiudi)
.: Gel (apri/chiudi)
.: Salve (apri/chiudi)
.: Radio 24 (apri/chiudi)
.: Viversani & Belli (apri/chiudi)
.: Fox Uomo (apri/chiudi)
.: Il giorno (apri/chiudi)
note legali | condizioni di utilizzo del sito | area riservata | mappa del sito | rassegna stampa
© 2003-2017 androweb.it, tutti i diritti riservati | P.IVA: 01658220460 | sito aggiornato al 08/12/2017 | torna su | facebook activity 
disclaimer: le informazioni fornite da questo sito intendono supportare, e non sostituire, la relazione
tra il paziente/visitatore del sito e il suo medico di riferimento