Accedi a Facebook Activity di questo sito

ID

PASSWORD

CHIUDI

Androweb.it, sito di andrologia del dr. Alessandro G. Littara









Home / Informazioni generali / Malattie sessualmente trasmesse

HIV: la circoncisione è efficace quanto un vaccino.
Uno studio appena pubblicato i cui risultati preliminari sono stati presentati alla International AIDS Society 2005 Conference nel luglio di quest’anno sembra dimostrare che il grado di protezione contro l’infezione da HIV offerto dalla circoncisione è
uguale a quello che fornirebbe un vaccino molto efficace. La circoncisione ha ridotto la percentuale di infezione da HIV nei maschi eterosessuali attivi Africani del 60%, secondo quanto afferma il portavoce del National Institute for Comunicabile Diseases di Johannesburg, Sudafrica.

Lo studio rappresenta la prima prova sperimentale capace di dimostrare che
la chirurgia può prevenire una malattia infettiva. Condotta su 3.274 uomini non circoncisi di età compresa tra 18 e 24 anni abitanti nella regione di Johannesburg, la ricerca ha correlato il 50% dei soggetti (gruppo di controllo) al restante 50%, sottoposto a circoncisione, al quale è stato chiesto di astenersi dall’attività sessuale per le sei settimane successive all’operazione perché nel periodo post-operatorio il rischio di contagio è più elevato.

I pazienti sono stati visitati nei tre mesi successivi, dopo 1 anno e dopo 21 mesi con una visita intermedia dopo 18 mesi che ha mostrato che i benefici della circoncisione erano così evidenti che anche il gruppo di controllo è stato sottoposto a circoncisione. Nel gruppo operato solo
20 soggetti sono stati infettati da HIV, contro i 49 del gruppo di controllo; questo dato corrisponde a un rischio relativo per la circoncisioe di 0.40, che si è confermato anche tenendo conto dei comportamenti sessuali soggettivi, per esempio l’uso del preservativo, che possono influire sul risultato.

“La prima e la più ovvia conseguenza di questo studio”, scrivono gli autori, “è che la circoncisione maschile deve essere riconosciuta come un mezzo importante per ridurre il rischio maschile di contrarre l’HIV. Come mostra il nostro studio, la circoncisione maschile è utile e praticabile anche su uomini adulti sessualmente attivi che vivono in un’area con elevata prevalenza di HIV”. Gli autori sostengono che la circoncisione maschile “fornisce un grado di protezione dall’infezione di HIV equivalente a quello che avrebbe ottenuto un vaccino molto efficace”, e che inoltre, “bisognerebbe considerare la circoncisione come un intervento di salute pubblica importante per prevenire la diffusione dell’HIV. La circoncisione maschile può essere rapidamente incorporata nei piani nazionali nei paesi nei quali la maggior parte degli uomini non è circoncisa e dove la diffusione dell’HIV è soprattutto eterosessuale”.

Anche se lo studio non si è addentrato nel sottolineare gli effetti sottostanti protettivi della circoncisione, questi potrebbero comprendere, secondo gli autori, la riduzione dell’aspettativa di vita del virus sul pene dopo il contatto sessuale, la riduzione della superficie totale del pene e la riduzione delle cellule-bersaglio disponibili, particolarmente numerose sul prepuzio. Tuttavia, quando i risultati preliminari dello studio sono stati presentati alla terza Annual AIDS Society Conference a Rio de Janeiro, l’UNAIDS (Joint United Nations Programme on HIV/AIDS) ha pubblicato una dichiarazione nella quale sosteneva che è prematuro raccomandare la circoncisione maschile quale componente dei programmi di prevenzione dell’infezione da HIV: “Anche se la sperimentazione mostra i promettenti effetti protettivi della circoncisione maschile adulta contro il contagio da HIV, è necessario che la ricerca prosegua per confermare la riproducibilità di questi risultati e di questa sperimentazione, e per indicare se i risultati hanno una applicazione più generale”. Attualmente sono in corso due ulteriori sperimentazioni in Uganda e in Kenya, entrambe sostenute dai National Institutes of Health degli Stati Uniti  (l’equivalente del nostro Ministero della Salute), che contribuiranno a chiarire la relazione esistente tra la circoncisione maschile e l’HIV in contesti culturali e sociali diversi.


Fonte: PloS Medicine

pagina aggiornata a venerdì 28 febbraio 2014
.: falloplastica
.: eiaculazione precoce
.: circoncisione
.: impotenza
.: infertilità
Ospiti di androweb
Segui le news di Andrologia
Linea diretta con il prof. Alessandro Littara
note legali | condizioni di utilizzo del sito | area riservata | mappa del sito | rassegna stampa
© 2003-2017 androweb.it, tutti i diritti riservati | P.IVA: 01658220460 | sito aggiornato al 08/12/2017 | torna su | facebook activity 
disclaimer: le informazioni fornite da questo sito intendono supportare, e non sostituire, la relazione
tra il paziente/visitatore del sito e il suo medico di riferimento